Ci metti un minuto e rendi il tuo smartphone impenetrabile: nessuno si farà mai i fatti tuoi

Oggi è possibile rendere lo smartphone impenetrabile e sicuro in pochissimi istanti e in modo del tutto gratuito.

Grazie alle nuove tecnologie sono stati fatti passi enormi verso la configurazione di sistemi che, anche a livello privato, rendano perfettamente sicura ogni cosa. Ovviamente è difficile determinare un procedimento complesso e per questo le aziende lo hanno reso fruibile in pochi click.

smartphone impenetrabile in un minuto
Come rendere lo smartphone impenetrabile/foto NextMediaWeb Srl (jammway.it)

Non serve essere esperti del settore ma seguire passo dopo passo i pochissimi passaggi che metteranno per sempre lo smartphone al riparo da malintenzionati e occhi indiscreti. Il sistema è gratuito, inviolabile e anche di facile approccio anche per chi non è incline alle tecnologie.

Rendere lo smartphone impenetrabile in un minuto

Piccole funzionalità aggiuntive possono fare la differenza quando si tratta di sicurezza dei dispositivi e, in particolare, dello smartphone. Questo viene adoperato ogni giorno, contiene foto, conversazioni, chat private e qualunque possibile dato sensibile, da quelli bancari alle altre password. Ciò chiarisce ovviamente come sia essenziale optare per qualcosa che vada al di là del semplice pin per proteggerlo.

smartphone nessuno si farà mai i fatti tuoi
Smartphone sicuro in pochi click/foto NextMediaWeb Srl (jammway.it)

Bisogna renderlo inviolabile agli attacchi e per farlo non è richiesta alcuna spesa economica ma solo un po’ di pazienza per poter ottenere un risultato impeccabile. Grazie alle nuove tecniche di Google sarà possibile farlo senza per questo dover “subire” fastidi di alcun tipo nel funzionamento dello smartphone. Arriva infatti la protezione sia per l’account che per tutto ciò che è ad esso connesso.

Google ha semplificato i passaggi, nello specifico adottando un sistema di autenticazione a due fattori che può essere valido per tutti e molto fruibile. Gli utenti possono impostare questa funzione anche senza dover condividere il loro numero di telefono e questa è un’ottima notizia che velocizza anche molto la questione. Se la funzione risulta disabilitata nelle attività di Google ovviamente va impostata subito, facendo attenzione perché potrebbero esserci dei cambiamenti relativi al backup e alla conservazione dei dati.

Google sta spingendo verso la configurazione a due passaggi per rendere tutti gli account più sicuri, proprio perché non si tratta solo della mail ma praticamente di tutto ciò che consente di accedere allo smartphone. Proteggere l’account è possibile sia con il classico numero di telefono che con l’app chiamata Google Authenticator o con un token di altro tipo che consente di convalidare l’accesso.

Queste opzioni offrono un grado molto elevato di sicurezza ed è praticamente difficile per un hacker riuscire a penetrare nello smartphone. Con la doppia soglia infatti anche rubando la password si fa ben poco. Per prima cosa bisogna impostare la notifica a due fattori, quindi attivare il backup per salvare tutto magari in cloud per non avere problemi.

Impostazioni privacy