Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Search

Samara: un gioco folle che puo’ essere pericoloso

Samara: un gioco folle che puo’ essere pericoloso

Nell’ultimo periodo si sta verificando un fenomeno, che lascia divertire solo in pochi. Un gioco bizzarro che a lungo andare protrebbe portare a gravi consenguenze. In molte città della Campania, ma ormai anche a Roma e nelle altre regioni si può fare un incontro con la spettrale ragazza di The Ring: Samara.

Sono tante le persone che si sono travate faccia a faccia con la spaventosa ragazza protagonista di questo gioco che senza troppi fronzoli possiamo defire “stupido”. In alcuni casi,  Samara, ha avuto la peggio, incontrando persone che hanno usato violenza contro di lei, rischiando il linciaggio. Uno degli ultimi casi è successo in Sardegna, dove la ragazza – Samara da tre giorni si aggirava di notte nelle vicinanze del cimitero di Fluminimaggiore, nel Sulcis. La ragazza smascherata si è rivelta una giovane tedesca in vacanza.

Napoli è stata maggiormente protagonista del Samara Challenge, anzi si ritiene che il gioco sia proprio partito da alcune città perifiche del napoletano.

Ma perchè persone travestite da Samara girano per le nostre strade?

Samara

Samara

Si tratta di un fenomeno social! Il mondo digitale ha portato tanti cambiamenti positivi nella nostra vita, ma purtroppo vede spesso l’evidenziarsi di fenomeni che vanno contro le regole del vivere civile e molto spesso pericolosi. Il fenomeno è “Samara Challenge”, una sfida che parte dai social e invita le persone a travestirsi come la protagonista del film horror The Ring e a camminare per le strade di notte.

La prova da superare sta nel riuscire a creare il panico riuscendo poi a sparire nel buio senza essere presi. Tuttavia, in alcuni casi i passanti terrorizzati hanno reagito inseguendo e cercando di colpire gli autori. Alcuni video sul web ritraggono la bambina di The Ring presa a calci e la vera paura è che questa bravata possa finire in tragedia.

Questo fenomeno, che in Campana ha avuto una larga diffusione, più volte ha visto l’intervento dei carabinieri. Ma anche l’arma dei carabieri non può nulla, infatti, come i carabinieri nel caso della Sardegna si sono pronunciati in questo modo ” Allo stato attuale non sono emerse condotte penalmente rilevanti, tuttavia gli accertamenti proseguono sia per scongiurare spaventi cagionati ai residenti, sia per impedire conseguenze peggiori, ad esempio provocando incidenti stradali sbucando improvvisamente dal bordo strada”. “Indirettamente è una tutela degli stessi ragazzi aderenti alla sfida che si aggirano a piedi al buio su strade provinciali o, come già accaduto in altre zone d’Italia, corrono il rischio di subire le reazioni violente di passanti spaventati. L’invito è quello di non emulare assolutamente il gesto che, pur sembrando un innocuo gioco da appassionati di film horror, nasconde moltissimi rischi, sia legati all’intralcio alla circolazione strada sia al rischio di addentrarsi in zone ove è facile smarrirsi in orario notturno”.

Possiamo affermare che anche se si tratta di uno scherzo è assolutamente di “cattivo gusto”. Immaginate di girare da soli di notte e di vedervi sbucare improvvisamente davanti questa spaventosa bambina indemoniata: il fort spavento potrebbe portare delel conseguenze.

Il divertimento nel mondo di oggi è molto strano… e pensare che il passato uno svago degli adolescenti poteva essere fare scherzi telefonici, irritante di sicuro, ma in fondo non faceva del male a nessuno.

 

About Stefania Lombardi

Si occuperà dell’organizzazione dei contenuti presenti sul sito, curandone l'ottimizzazione per i motori di ricerca. Inoltre il suo compito prevede la progettazione della veste grafica del portale. Stefania Lombardi è laureata in Turismo. Grazie a questo percorso ha acquisito buone conoscenze in materia di programmazione delle politiche per il turismo. Ha esperienza nell’ambito del Web Marketing e del Seo avendo lavorato presso un’agenzia on line di viaggi. Nutre un grande interesse per le tradizioni e feste popolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati