Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Search

Quanto vale il tesoro di San Gennaro?

Quanto vale il tesoro di San Gennaro?

Di che cosa è il Tesoro di San Gennaro abbiamo già parlato nell’articolo precedente (Tesoro di San Gennaro), ma adesso ci facciamo una domanda: quanto vale il Tesoro di San Gennaro? Ebbene, quello di San Gennaro è un vero e proprio tesoro, tanto che è considerato uno dei più ricchi al mondo. Il suo valore ha superato anche la raccolta di gioielli della corona d’Inghilterra e del tesoro degli zar di Russia.

Ma non solo, è l’unico tesoro al mondo a non aver subito spoliazioni ed i cui pezzi non sono mai stati utilizzati per pagare debiti o per finanziare guerre, e mai venduti. Al contrario, nel corso dei secoli ha continuato ad accrescersi in numero e valore. Tuttavia, la caratteristica veramente unica del tesoro è che esso non appartiene alla chiesa come i tesori del Vaticano, non appartiene ad una casa regnante come il tesoro d’Inghilterra, non appartiene allo stato come i tesori del Quirinale. Il tesoro di San Gennaro, così come le ampolle contenenti il sangue, appartengono solo ed esclusivamente al popolo napoletano, ad ogni singolo cittadino napoletano, il quale ne è custode e garante e lo conserva intatto da secoli.

Tesoro di San Gennaro

La cappella del Tesoro fu costruita in virtù di un voto fatto dalla città di Napoli. Il voto espresso il 13 gennaio del 1527, nell’anniversario della traslazione delle ossa di San Gennaro da Montevergine a Napoli, mirava all’intercessione del Santo affinchè salvasse Napoli dalla fame, dalla peste e dalla guerra. Il voto fu ufficializzato innanzi al notaio, con pubblico istrumento. Nel 1601, gli Eletti della città nominarono la Deputazione che aveva il compito di occuparsi della Cappella del Tesoro. La prima pietra fu posata nel 1608 e la Cappella terminata nel 1647. I membri della Deputazione della Real Cappella del Tesoro di San Gennaro sono 12, più il sindaco della città che ne è il Presidente. Dieci componenti vengono dagli antichi sedili dei nobili e due sono rappresentanti del popolo.

 

Il tesoro di San Gennaro è composto da 21.000 opere di inestimabile valore. I tre pezzi più preziosi non possono essere esposti contemporaneamente dato il loro inestimabile valore economico. Non sarebbe possibile assicurarli tutti, se esposti assieme. La Mitra ha 3328 diamanti, 198 smeraldi e 168 rubini. La collana che arricchisce il busto di San Gennaro fu realizzata, invece, dall’orafo Michele Dato ed è composta da 13 maglie in oro con diamanti, smeraldi, rubini, e altre pietre preziose di enorme valore. La croce con 13 brillanti e 13 rubini, fu donata al Tesoro da Carlo di Borbone nel  1734.

Il tesoro comprende oltre 21.000 pezzi, tutti particolarissimi che vengono esposti a turno, dato che il museo del tesoro non è in grado di ospitarli tutti contemporaneamente, per mancanza di spazio.

 

About Stefania Lombardi

Si occuperà dell’organizzazione dei contenuti presenti sul sito, curandone l'ottimizzazione per i motori di ricerca. Inoltre il suo compito prevede la progettazione della veste grafica del portale. Stefania Lombardi è laureata in Turismo. Grazie a questo percorso ha acquisito buone conoscenze in materia di programmazione delle politiche per il turismo. Ha esperienza nell’ambito del Web Marketing e del Seo avendo lavorato presso un’agenzia on line di viaggi. Nutre un grande interesse per le tradizioni e feste popolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati