Pompei: ritrovati i corpi di due fuggiaschi

Incredibile ritrovamento negli scavi di Pompei. Sono stati portati alla luce due corpi: un rcco pompeiano e il suo schiavo.

862
Pompei corpi

Pompei non smette mai di stupire. E’ di poco fa la notizia del ritrovamento di due corpi travolti dall’eruzione del 79 d.C.. La scoperta è avvenuta durante l’attività di scavo in località Civita Giuliana, infatti, nonostante in questo periodo il parco degli scavi di Pompei sia chiuso al pubblico, sono continuate le attività di scavo.

Con molto probabilità i die corpi portati alla luce appartengono ad un ricco pompeiano e il suo schiavo, morti nel tentativo di scappare dalla grande eruzione del Vesuvio.

visita a Pompei
Visita a Pompei

La prima vittima è, quasi certamente, un ragazzo tra i 18 e i 23 anni, alto 1,56 metri. Ha il capo reclinato, con i denti e le ossa del cranio ancora parzialmente visibili; indossa una tunica corta, di lunghezza non superiore al ginocchio. Le gambe sono nude. La presenza di una serie di schiacciamenti vertebrali, inusuali per la giovane età del ragazzo, fa pensare che potesse svolgere lavori pesanti, quelli di uno schiavo. La seconda vittima ha il volto riverso a terra. Le braccia sono ripiegate con le mani sul petto, mentre le gambe sono divaricate e con le ginocchia piegate. La robustezza del corpo, soprattutto a livello del torace, suggerisce che anche in questo caso sia un uomo, con un’età compresa tra i 30 e i 40 anni e alto circa 1,62 metri.