Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Search

Parigina, la pizza rustica Napoletana “Pa Regin”

Parigina, la pizza rustica Napoletana “Pa Regin”

Diciamo la verità tutti noi abbiamo sempre pensato che Parigina, pasta sfoglia a due strati con dentro pomodoro e prosciutto cotto, derivasse da Parigi. Ma scovando nella storia e nella tradizione della cucina di Napoli abbiamo fatto una scoperta incredibile…. Parigina deriva da “PA REGIN“.

Lo sappiamo che vi abbiamo sconvolto la giornata e le vostre certezze non saranno più le stesse… ma vediamo in particolare perchè la Parigina porta questo nome.

Entrando in qualsiasi bar o rosticceria di Napoli e provincia troverete questa pizza rustica formata da da pasta sfoglia con al centro pomodoro e prosciutto cotto. In realtà oggi esistono tante altre versioni con la porchetta, funghi e chi ha più ne metta. Ma la Parigina, quella originale è quella descritta all’inizio e va bene a tutte le ore, dalla colazione fino all’ultimo spuntino notturno.

In realtà la Parigina centra con la Francia, infatti, è nata grazie a cuochi francesi alla corte dei Borboni. Ma con il suo nome centra il dialetto napoletano. Parigina deriverebbe da “Pa Regin”, cioè per la regina. La leggenda narra che questa pizza rustica sia stata preparata per la prima volta per una regina, che ancora oggi è ignota.

Secondo alcuni studiosi di cucina partenopea la versione della pizza rustica che noi conosciamo fu ideata negli anni ’70 nella rosticceria Sant’Antonio di Afragola: fu qui che nacque l’utilizzo della pasta sfoglia nella parigina, anche se gli venne dato il nome di tramezzino.

Parigina

Parigina

INGREDIENTI

1 rotolo di pasta sfoglia
800 gr. di farina
400 ml. di acqua
500 gr. di pomodori pelati
400 gr. di prosciutto cotto
400 gr. di provola affettata
25gr di lievito di birra
1 decilitro + 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
½ bicchiere di latte tiepido
sale q.b.

PROCEDIMENTO

Versare la farina in una ciotola insieme asale, olio ed il lievito sciolto in mezzo bicchiere d’acqua tiepida. Mesclare il tutto fino a farla diventare un panetto morbido. Far lievitare il panetto per circa 2 ore comprendolo con un canovaccio.

Dopo la lievitazione stendere l’impasto fino ad ottenere una sfoglia rettangolare alta circa mezzo centimetro.

Prendere una teglia cosparsa d’olio e rivestitela con la pasta. Farcite con prosciutto cotto, pomodori pelati conditi con sale e olio e schiacciate con una forchetta, infine aggiungere la provola tagliata in fette sottile. Coprite tutto con uno strato di pasta sfoglia. Sigillare bene i bordi della parigina, spennellare con un po’ di latte e bucherellare la sfoglia superiore con degli stuzzicadenti.
Infornare la parigina in forno già caldo a 190°C e cuocere per 40 minuti circa. Dopo averla sformata quando sarà tiepoda tagliarla in tranci e servirla.

 

 

About Stefania Lombardi

Si occuperà dell’organizzazione dei contenuti presenti sul sito, curandone l'ottimizzazione per i motori di ricerca. Inoltre il suo compito prevede la progettazione della veste grafica del portale. Stefania Lombardi è laureata in Turismo. Grazie a questo percorso ha acquisito buone conoscenze in materia di programmazione delle politiche per il turismo. Ha esperienza nell’ambito del Web Marketing e del Seo avendo lavorato presso un’agenzia on line di viaggi. Nutre un grande interesse per le tradizioni e feste popolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

{wpFooter} {!$options->theme->footer->customJsCode}