Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Search

Il Palio di Somma è un evento molteplice,che si ripete da 29 anni, dove storia, gioco popolare, tradizione eventi culturali, canto, danza,musica antica medievale e popolare, rievocazioni storiche e sapori, spazi diffusi nella piazza e ritrovo si intrecciano in una festa Mirabile.

“Il paese dell’abbondanza” è il tema della XXIX edizione del Palio di Somma, il 6-7-8 settembre 2019

Una terra generosa quella di Somma che non fa mancare nulla a chi la riconosce e custodisce. Fertile e ricca di frutti. Una terra, con il suo monte-vulcano, sentita come madre di tutti, che chiede rispetto e non violenza. Il nostro compito è quello di custodirla e consegnarla intatta alle future generazioni, perché ha rappresentato per noi solamente un prestito prezioso. Temporaneo.
Somma Vesuviana è una paese ricco di storia millenaria: romana, angioina e aragonese. Di memorie, misteri, antichi riti e tradizioni. Di monumenti, arte e cultura.
Anche i suoi abitanti sono ricchi di valori: generosità e accoglienza. Qui c’è gente laboriosa e semplice.
Il Palio di Somma Vesuviana, giungo alla 29^ edizione, vuole celebrare proprio la ricchezza (in tutte le sue declinazioni) e generativitá sociale di un luogo magico e irripetibile. Da vivere e ricordare, per sempre.

Il palio di Somma Vesuviana

Il palio di Somma Vesuviana

 

Storia:


Il Palio di Somma Vesuviana è una festa popolare che intreccia “il sogno e la memoria” in una manifestazione artistica e culturale  “inventata” per riscattare l’amore per la città e condurla in un irrefrenabile viaggio verso il Mondo Unito. E’ un sogno proiettato nel sociale e divenuto realtà, una “invenzione” (inventio, da invenire) intesa come ritrovamento di valori e tradizioni popolari, delle radici, delle forme e modi di una ritualità contadina tramandati di generazione in generazione e conservati nella memoria di un passato rimasto culturalmente vivo. Il voler amare la gente ha spinto a riscoprire la cultura locale perchè, solo conoscendo a fondo le origini, possiamo essere veramente noi stessi e siamo nella misura in cui esistiamo per gli altri. Il Palio si conferma come momento di consapevolezza e meraviglia, di scoperta e acquisizione, per proporsi, nel confronto con le altre culture, come luogo della partecipazione, della mondialità, della sollecitazione all’universalità, all’unità, all’attenzione verso la particolarità e come elemento di aggregazione e sviluppo sociale. 

Questa l’idea da cui nasce, nel 1991, il Palio: un’iniziativa per risvegliare la coscienza storica e l’identità culturale della città per rimandare al passato, rievocandone le antiche bellezze arricchite di significati capaci di trasmettere senso e direzione ad una comunità che rischia di dimenticare il legame con la sua terra d’origine, quella terra che “impasta l’uomo con la natura, la natura con l’uomo“. 

Il Palio è perciò anche un luogo di riflessione sulla realtà che ci circonda, per essere, pensare, attraversare, in modo nuovo la storia, diventando trama del rinnovamento e interlocutori validi del dialogo sociale, che dai luoghi della nostra terra apre alla speranza del Mondo Unito. 

Fonte “Facebook”

 

Potrebbe interessarti