Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Search

Maggio dei Monumenti 2019. Manifestazione d’interesse per la realizzazione di visite guidate. 25 aprile – 2 giugno. “Il diritto alla felicità. Filangieri e il ‘700 dei lumi”.

In occasione del 220esimo anniversario dei moti rivoluzionari del 1799 di cui Gaetano Filangieri, il suo
pensiero e la sua opera furono ispirazione e premessa fondamentale, l’Assessorato alla Cultura e al e al
Turismo del Comune di Napoli dedica la 25esima edizione del Maggio dei Monumenti al tema “Il diritto
alla felicità. Filangieri e il ‘700 dei Lumi”.
Gaetano Filangieri (1753 – 1788) fu uno dei massimi giuristi e pensatori dell’Illuminismo. Con la sua opera
principale, La Scienza della Legislazione, auspicò, attraverso una riforma generale della legislazione, la
realizzazione dello sviluppo socio-economico degli Stati, della pace e della ”pubblica felicità”, innnovando
in senso moderno la filosofia del diritto.
Il programma del Maggio è frutto di un lavoro interistituzionale con i più importanti enti culturali della città:
l’Università degli studi di Napoli Federico II, l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, l’Università
degli Studi “Suor Orsola Benincasa” di Napoli, l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”,
l’Accademia di Belle Arti di Napoli, l’Institut Français di Napoli, la Biblioteca Nazionale di Napoli, il Teatro
di San Carlo, l’Istituto Italiano per gli Studi Storici “Benedetto Croce”, la Società Napoletana di Storia
Patria, l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, il Museo Nazionale di Capodimonte di Napoli, il Museo
Civico Filangieri di Napoli, Palazzo Zevallos di Stigliano, il Certame Vichiano tra gli altri.
Il programma si articolerà in una serie di iniziative: reading, concerti, spettacoli teatrali e di guarattelle,
conferenze, mostre, convegni e visite guidate.

Dal 17 al 19 maggio avrà luogo la terza edizione della manifestazione PORTO APERTO, una
collaborazione tra le Autorità portuali di Castellammare di Stabia, Salerno e Napoli. La giornata di chiusura
sarà incentrata sul Porto di Napoli, con visite guidate via mare e in bus nel corso della mattina ed eventi
musicali di grande rilievo nella serata a partire dalle ore 19.30 Darsena Acton – Live Music, The Caponi
Brothers, Sossio Banda, Marina Bruno e Di Capua tra i nomi d’eccezione.
Per celebrare il XXV anniversario della manifestazione l’immagine guida della campagna grafica è stata
realizzata dall’artista di fama internazionale Ernest Pignon-Ernest, presente in città con una mostra dal titolo
Extases, nella chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco.
L’artista ha poi generosamente lavorato al progetto grafico della manifestazione con gli allievi del primo
biennio del corso di Design per la Comunicazione pubblica dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli
guidato dalla professoressa Enrica D’Aguanno.
Ernest Pignon-Ernest è inoltre l’ideatore e il testimonial della prima campagna antimbrattamento promossa
dal tavolo interassessorile per la creatività urbana del Comune di Napoli a tutela del patrimonio storicoartistico cittadino. La campagna promuove il messaggio “Un muro imbrattato è un volto ferito” ed è un
appassionato omaggio dell’artista francese alla città che tanto lo ha ispirato nel corso della sua produzione
artistica.
Il diritto alla felicità deve essere soprattutto dei bambini.
Prologo di questo Maggio sarà il concerto l’Orchestra Scarlatti Junior (112 elementi tra gli 11 e i 20 anni
di età,) all’Auditorium D. Scarlatti della RAI di Napoli questa sera mercoledì 24 aprile. Un evento sinfonico
ricco di emozioni, energia e giovialità con musiche di G. Bizet, J. Sibelius, V. Monti, R. Schumann, E.
Morricone, A. Piazzolla, B. Persico diretto dai Maestri Gaetano Russo e Bruno Persico a cura della Nuova
Orchestra Scarlatti.
Domenica 28 aprile sarà aperta invece ad opera del maestro guarattellaro Bruno Leone la prima ‘Casa delle
Guarattelle Nunzio Zampella’ in vico Pazzariello 15 con una programmazione di spettacoli di guarattelle
per tutto il mese di maggio con la presenza di grandi ospiti come Tonino Taiuti, Mimmo Cuticchio, Ibrahim
Drabo o il maestro Romeo Barbaro.
Ancora musica con i giovani de LA DIGESTION – musica ascoltata raramente al Maschio Angioino
con un festival su musica e medicina dal titolo Musica Sanae .
Quest’anno la Liberazione coincide con l’apertura del Maggio dei Monumenti. Il 25 aprile.
La Napoli antifascista_”Il diritto di parlare e il dovere di rispondere.”
In migliaia di copie sarà stampato e distribuito negli spazi della cultura del Comune e nelle librerie il
Manifesto degli Intellettuali antifascisti redatto da Benedetto Croce e pubblicato il 1° maggio 1925. “(Con
quel Manifesto )…Stava insomma, nascendo un nuovo Benedetto Croce, persino un nuovo filosofo che, per
molti aspetti importanti, correggeva il vecchio”. Norberto Bobbio (Profilo ideologico del Novecento).
Alle 10.00 dall’Assessore Daniele e da rappresentanti dell’Anpi e dell’Istituto Campano della Storia della
Resistenza saranno deposti fasci di fiori presso le lapidi in onore di Giovanni Amendola, Matilde Serao e
Roberto Bracco firmatari del Manifesto Antifascista e all’Istituto Croce.
Dalle 10.15 il sindaco di Napoli Luigi de Magistris interverrà alla cerimonia di deposizione di corone, in
onore dei Caduti al Mausoleo di Posillipo, poi al Monumento Salvo D’Acquisto.
Dopo le celebrazioni istituzionali dalle 11.30, nella sala dei Baroni al Maschio Angioino, una staffetta di
artisti, intellettuali e personalità del mondo della cultura racconterà il ‘proprio senso’ del 25 aprile con
interventi musicali del duo Ebbanesis, Roberto Colella (La Maschera) e di Dario Sansone (Foja).
Quest’anno i festeggiamenti del 25 aprile proseguiranno grazie all’attività del tavolo interistituzionale che si
occupa delle celebrazioni promuovendo una serie di incontri con personalità cittadine che hanno giurato sulla
Costituzione e che racconteranno il significato di questo giuramento, tra questi sono stati invitati ex
Presidenti Emeriti e componenti della Corte Costituzionale, Magistrati, Alti Funzionari dello Stato ecc.
Tornando al tema specifico del Maggio si segnalano:
la mostra bibliografica e iconografica “Il diritto alla felicità. La stagione delle riforme” nel Regno di Napoli
che inaugura il 1° maggio alla Biblioteca Nazionale; quella didattica e documentaria “Gaetano Filangieri. Lo
Stato secondo ragione” nel Maschio Angioino a cura dell’Istituto italiano per gli studi filosofici che
promuove tra l’altro anche lezioni e visite guidate sul tema nella sede dell’istituto in Palazzo Serra di
Cassano; i percorsi tematici in Palazzo Zevallos Stigliano “Felicità ambita. Immagini pubbliche e private del
Settecento napoletano” in collaborazione con l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”; il ciclo di
lezioni su Gaetano Filangieri condotte dal prof. Gerardo Ruggiero a cura della Società Napoletana di Storia
Patria; la minirassegna teatrale “I Colori della Felicità” con spettacoli tratti da classici della letteratura nel
Chiostro del Convento di San Domenico Maggiore a cura dell’Associazione Culturale Il Pozzo e il Pendolo; i
concerti di musica del Settecento “XXI Festival Pianistico; Il ‘700: il classicismo, la nascita delle forme e i
suoi sviluppi” a cura dell’associazione Napolinova; la lettura teatralizzata “Voglio essere felice” a cura
dell’Università degli Studi di Napoli Federico II; le lezioni nelle scuole “Felicità pubblica, felicità privata: un
dibattito settecentesco” a cura dell’Istituto italiano per gli studi storici; il convegno all’Institut français Napoli
“Alla ricerca della felicità”; gli incontri tra parole, musica e immagini “La felicità a Napoli: Goethe incontra
Filangieri” con letture di Enzo Salomone a cura del Certamen Vichiano che si svolgeranno tra il Maschio
Angioino e la Sala Ichos San Giovanni a Teduccio; lo spettacolo teatrale “Eleonora Pimentel Fonseca, con
civica espansione di cuore” nell’ambito della rassegna Montedidio Racconta, scritto e diretto da Riccardo De
Luca, con Annalisa Renzulli; gli appuntamenti al Museo di Capodimonte sull’”Itinerario alla scoperta della
Felicità”; il convegno al Museo Filangieri dal titolo “Napoli capitale della cultura europea: la modernità del
pensiero” su Filangieri e Della Porta a cura dell’Accademia Filangieri-Della Porta; i concerti del Concerto
del Coro Universitario “Joseph Grima” “La ricerca della felicità è anche nella musica che parte da Napoli”.
Maggio è ormai un mese in cui l’offerta culturale e turistica raggiunge uno dei suoi punti più alti; ed è a
maggio che si svolgono numerosi eventi molto importanti per la città, i cittadini e i turisti.

Maggio dei monumenti

Maggio dei monumenti

Per la prima volta approda a Napoli, nel weekend del 18 e 19 maggio, “OnDance – Accendiamo la Danza”,
la grande festa della danza voluta e organizzata dalla star internazionale del balletto Roberto Bolle. Una due
giorni di eventi gratuiti pensati e voluti per il capoluogo campano che sempre tanto affetto ha dimostrato
all’Étoile. Open class, serate di danze sotto le stelle, incontri e show con ospiti di caratura internazionale per
un appuntamento imperdibile per gli appassionati della danza, ma anche per curiosi e neofiti.
L’11 maggio al Maschio Angioino ci sarà il concerto “Suspiro” del trio Suonno D’Ajere, ensemble che nel
nome, evoca il singolo omonimo realizzato da Pino Daniele nel disco d’esordio Terra mia (1977), composto
da Irene Scarpato (canto), Marcello Smigliante Gentile (mandolino.mandola.mandoloncello) e Gian Marco
Libeccio (chitarra classica). Sarà reinterpretata la canzone napoletana, quale ideale punto di connessione tra
il classicismo mediterraneo e la ostinata ricerca di essere contemporanei, proponendo brani meno diffusi, se
non inesplorati, con la volontà irremovibile di restituire dignità e spessore a questa tradizione, slegandola
dall’immagine di vetrina e cercandone l’intimità e l’essenza contemporanea.
Dopo la musica il teatro d’eccellenza nel succorpo vanvitelliano della Real Casa Santa dell’Annunziata con
la rassegna “Tutto il mondo è palcoscenico” dedicata all’arte e alla figura di William Shakespeare, per la
direzione artistica di Gianmarco Cesario. Roberto Azzurro sarà di scena al Succorpo dell’Annunziata l’11
maggio con Scarrafunera e il 3 maggio aprirà, con La ballata del carcere di Reading, la tre giorni di teatro
e musica a cura dell’Associazione Wunderkammer al Cimitero delle Fontanelle.
Nel Maggio trovano spazio ormai come da tradizione le bande dei corpi militari. Il 3 maggio all’Auditorium
RAI si terrà lo “Spring concert”,a cura della Banda delle Forze Navali USA in Europa in collaborazione con
il coro That’s Napoli Live Show; mentre il 6 nella Sala Scarlatti del Conservatorio di San Pietro a Majella ci
sarà il concerto della Banda Musicale dell’Esercito.
Cuore della manifestazione primaverile, anche quest’anno, sono le numerose visite guidate che
attraverseranno la città in lungo e largo alla scoperta e riscoperta della sua bellezza e dei suoi tesori. Un focus
particolare sarà dedicato alla felicità, a Gaetano Filangieri, alla sua opera, ai suoi luoghi, alla sua storia e al
Settecento. Sempre presente anche il programma di visite guidate condotte dalle scuole cittadine coordinate
dalla storica Fondazione Napoli 99.
La città offre inoltre, in questo momento storico, le più belle mostre di sempre: al Pan gli ultimi giorni di
“Escher”, “Muhammad Ali”, “L’Ironia del Sindaco artista. Disegni di Maurizio Valenzi” e la retrospettiva di
Elio Washimps; nel Convento di San Domenico Maggiore “Transvantgarbage. Terre dei Fuochi e di
Nessuno” mostra fotografica di Marisa Laurito; al Museo di Capodimonte “Caravaggio. Napoli”; al MANN
“Canova e l’antico”; nella Basilica della Pietrasanta “Chagall. Sogno d’amore”; nella Cappella Palatina a
Maschio Angioino “Crisi e Rinascita” di Marco Campanella; nella chiesa del Purgatorio ad Arco “Extases”
di Ernest Pignon-Ernest; al Museo Filangieri “Un secolo di furore – I caravaggisti del Filangieri” tra le altre…
Ancora numerosi sono gli appuntamenti che la città e i suoi operatori culturali, a cui va il nostro
ringraziamento, offrono per questo mese di arte e cultura. Solo per citarne alcuni ricordiamo il Maggio
musicale, concerti di musica classica per la direzione artistica di Michele Campanella in Villa Pignatelli,
THAT’S NAPOLI LIVE SHOW, il programma di concerti del Coro della città di Napoli, tutte le
domeniche nella Chiesa di San Potito.

Il programma completo e aggiornato delle iniziative è disponibile on line sul sito del Comune
www.comune.napoli.it.

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri 664 iscritti

Potrebbe interessarti