Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Search

Cornuti e contenti, questo detto non è mai stato così vero come in occasione delle Feste dei Cornuti che si tengono in tutta Italia, durante i giorni di San Martino. In Campania la festa più famosa è quella di Ruviano in provincia di Caserta che quest’anno si svolgerà l’11 Novembre. Per qualcuno nascere l’undicesimo giorno dell’undicesimo mese potrebbe essere una sventura, essendo l’11 il simbolo legato alle corna, dovrà essere destinato a ricoprire la carica di cornuto. Ma l’11/11 è anche il giorno di San Martino quando il mosto diventa vino, quando si aprono le botti per assaggiare il vino novello, e questa diventa un’occasione di festa e di convivialità. Ed ecco che dall’accostamento di questi due elementi nasce una delle feste più insolite e stravaganti che si celebrano in Italia, dove per sdrammatizza quello che per secoli è stato un insulto.. il cornuto.

Ma perché il giorno di San Martino è dedicato ai cornuti?
La festa dei cornuti di Ruviano

Ma perché il giorno di San Martino è dedicato ai cornuti?

santa-severa-nord-festa-dei-cornuti-2013

Da sempre San Martino è considerato il patrono dell’abbondanza, ed era festeggiato soprattutto nelle zone contadine in occasione della vendemmia. Una vicenda legata alla sua storia narra che il Santo per fuggire dai soldati nemici si nascose in una botte, e quando uscì aveva fatto il pieno di vino. Nel mese di Novembre quando si svolgevano le abbondanti manifestazioni in onore del Santo, chiudevano anche le fiere del bestiame, per lo più bestiame munito di corna,  e questi eventi diventavano l’occasione per raccontarsi gli ultimi pettegolezzi di amici e parenti accaduti durante l’estate. E quando si parla di gossip, l’argomento che la fa da padrone sono le corna e i tradimenti. A rafforzare questa tesi interviene anche la tradizione celtica che indica nella notte dell’11 novembre c’era il dodekameron, considerato un momento di passaggio, una sorta di tempo sospeso in cui tutto è concesso, durante il quale avvenivano molti tradimenti. Era un periodo di festeggiamenti che ricordava molto il carnevale, dove venivano mostrate ai concittadini le mogli infedeli e soprattutto i loro mariti, che non erano stati in grado di farsi rispettare dalle loro consorti. Questi venivano riconosciuti dall’esposizione di enormi corna fuori le loro abitazioni. Quindi San Martino è finita per diventare la festa degli uomini traditi.

La festa dei cornuti di Ruviano

 

Quest’anno la festa dei cornuti di Ruviano si svolgerà l’11 Novembre. Tra folclore, divertimento e cibi tradizionali  ci sarà questa festa sicuramente insolita, ma legata alle tradizioni del territorio, caratterizzata soprattutto da un allegro corteo che attraversa la città con canti e balli popolari, degustando i piazzi tipici ed un buon bicchiere di vino locale. Ma la festa di Ruviano, in realtà è la festa di tutti, di chi ormai ha la certezza di appartenere alla categoria e sfoggia le sue corna con consapevolezza e chi è vittima dell’incertezza, e del dubbio non potendo mettere le mani sul fuoco sulla propria posizione. La certezza è che tutti scendono in piazza e fanno festa indossando gli inconfondibili copricapi con le corna, di tutti i tipi, lunghissime, personalizzate e tecnologiche, tutti uniti nel motto “Sì, in fin dei conti lo sono anch’io!”.

cornuti

A Ruviano è stata costituita una vera associazione della categoria dei cornuti, l’ACR, associazione dei cornuti Ruvianesi, che conta miglia di iscritti non solo in Italia, ma anche all’estero, che ogni anno si recano ne la paese per ricevere il battesimo e la conseguente patente di becco. La manifestazione ha un carattere quasi carnevalesco, il corteo  sfila coraggiosamente in processione per il paese, con gigantesche corna sulla testa, in una sorta di autoflagellazione collettiva. I duemila abitanti del paesino casertano sono orgogliosi del loro stato di cornuti e anzi gareggiano per accaparrarsi il titolo tanto ambito di Cornuto Doc. Non mancheranno gli sfottò urlati nei confronti dei passanti con le teste pesanti, in nome dell’antico detto partenopeo “cornuto e mazziato” che contribuisce a dare alla festa quel carattere goliardico che da sempre l’ha contraddistinta.

Programma:

Ore 17.00 “Degustazioni” in Piazza Nuova
Ore 17.30 Raduno dei cornuti in via Castello
Ore 18.00 In Piazza Nuova annuncio della 41° Edizione della Festa dei Cornuti
Ore 21.00 Spettacolo con “Tammurriarè” in Piazza Roma

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri 664 iscritti

Address

Our Address:

Ruviano, caserta

GPS:

41.210885251933, 14.409632019151

Telephone:

-

Email:

-

Potrebbe interessarti